Archivio della categoria “Cronache”

sabato, dicembre 16, 2017 Categoria: Cronache

Rapporto Unicef sulla violenza minorile nel mondo

62630f9f-461d-47bc-be26-213f0dfd87c8Un impressionante numero di bambini – a cominciare da neonati di pochi mesi – subiscono esperienze di violenza, spesso causate proprio da chi dovrebbe prendersi cura di loro. E’ l’allarmato commento di Iva Catarinelli, della presidente dell’Unicef dell’Umbria ai  ai dati del rapporto 2017 del Fondo Mondiale  per l’infanzia delle Nazioni Unite. «I danni inflitti ai bambini, in tutto il mondo, sono davvero preoccupanti» commenta Cornelius Williams, Responsabile dei programmi per la Protezione dell’infanzia dell’UNICEF.«Dai neonati che vengono schiaffeggiati sul viso ai ragazzi e alle ragazze costretti a subire abusi sessuali, agli adolescenti assassinati nelle loro comunità – la violenza contro i bambini non risparmia nessuno e non conosce limiti.» A livello globale, tre quarti dei bambini tra i 2 e i 4 anni – circa 300 milioni in tutto – subiscono in casa aggressioni psicologiche e/o fisiche da coloro che se ne dovrebbero prendere cura. Circa 60% dei bambini di un anno di età, nei 30 Stati per i quali sono disponibili tali statistiche, sono regolarmente vittime di un’educazione violenta: circa un quarto di essi viene abitualmente strattonato per punizione, e 1 su 10 viene schiaffeggiato o colpito sul volto, alla testa o sulle orecchie. Read more…

giovedì, novembre 16, 2017 Categoria: Cronache

Maria Geusa, un delitto punta estrema di un iceberg chiamato shaken baby syndrome

image1

di ALLAN FONTEVECCHIA

L’omicidio di Maria Geusa , due anni e sette mesi, avvenuto a Città di Castello nel 2004, è l’estrema punta di un iceberg che, di analisi in analisi, assume dimensioni che sconfinano oltre l’immaginato fino ad un momento prima. La causa della morte della bambina è stata indicata nella sindrome del bambino scosso,” Shaken Baby Syndrome”. Uno scuotimento violento che ha fatto seguito ad un abuso sessuale. Una morte per la quale un artigiano edile Giorgio Giorni ha avuto l’ergastolo e la madre di Maria, Tiziana Deserto, sedici anni di carcere. Il tutto è stato ricostruito da Alvaro Fiorucci nel libro “Shaken-la bambina che attraversò il portone del pianto-“ edito da Morlacchi.La SBS è tornata al centro di una rinnovata attenzione del mondo scientifico per iniziativa della Fondazione Terre des Hommes che da anni si occupa di abusi sui minori e di tutte le situazioni critiche che li riguardano. La conclusione di uno studio del 2016 è stata che la Shaken Baby Syndrome è una delle forme di maltrattamento più diffuse e  di maggiore complessità diagnostica. Tredici anni fa con il delitto della piccola Maria, probabilmente come si è detto, uno dei casi più terribili ed estremi. Read more…

sabato, ottobre 28, 2017 Categoria: Cronache

SONIA,BARBARA E GLI ALTRI COLD CASE AL FEMMINILE

sonia di ALLAN FONTEVECCHIA 

A volte il tempo è capace di generare dei sincronismi utili all’approfondimento e alla riflessione a più voci su uno o più temi anche quando non c’è nulla che ti mette  in attesa di una contestualità imprevista. E’ il caso della sentenza che ha stabilito che Sonia Marra, trentenne di Specchia scomparsa undici anni fa è stato un omicidio seguito dall’occultamento del cadavere . E  ha riportato la sparizione della giovane nello stagno dei casi irrisolti. La sentenza ha mandato assolto per non aver commesso il fatto l’imputato Umberto Bindella il trentenne  che aveva conosciuto la ragazza al Centro Mater Grazie che la Curia di Perugia ha nella zona di Monte Morcino. Unica pista seguita, scartate tutte le altre di una qualche suggestione. Il sincronismo è nel fatto che la pronuncia della Corte d’Assise c’è stata il 27 ottobre 2017 e cioè il giorno prima dell’ottavo anniversario di un’ altra misteriosa sparizione, quella di Barbara Corvi, una trentaseienne di Amelia in provincia di Terni. Read more…

martedì, ottobre 17, 2017 Categoria: Cronache

“Shaken” e il paradigma degli abusi sui minori

image1img_2472downloadimagesvitiimages-1

 

 

 

 

Di Mario Mariano (TefChannel)

 “È stato il libro più difficile della mia vita”, Alvaro Fiorucci, giornalista che ha raccontato per la Rai quarant’anni di cronaca nera e giudiziaria  in Umbria, non ha dubbi: “Ho scritto un libro sull’omicidio della piccola Maria Geusa perché non possiamo ne dobbiamo dimenticare un omicidio terribile. E come è successo per tanti delitti efferati non aiuta le comunità nei quali i fatti si sono verificati voltare pagina ad ogni costo, senza farci i conti, senza porsi domande. Archiviare alla svelta è come nascondere la polvere sotto il tappeto. Read more…

giovedì, settembre 14, 2017 Categoria: Cronache

L’omicidio di Noemi e il paradigma di un femminicidio

fiorucci_copertina_defEra evitabile l’omicidio della  sedicenne di Specchia massacrata a pietrate dal fidanzato diciassettenne? La madre aveva denunciato situazioni evidenti ed effetti  indiscutibili di un comportamento  terribilmente violento. Tanto violento da non poter non mettere nel conto il precipitare nell’assassinio brutale che è questa terrificante esemplificazione di un femminicidio. La denuncia , a quanto pare, invece  non avrebbe  prodotto   neppure l’avvio di tentativi di tutela  immediata. Ci sarebbe  stata  inadeguatezza   dove sarebbero servite tempestività ed efficacia. Perché? Non sono all’altezza del male  le norme di legge  scritte per  fermarlo? Ci sono stati disattenzione, trascuratezza, errori di valutazione e  omissioni e quindi ci sono responsabilità personali? Il contesto nel quale i due giovani e le loro famiglie si muovevano, sapeva , vedeva, ma si è voltato dall’altra parte ? Servono subito delle risposte chiare. Perchè questa denuncia inascoltata  gela ogni ottimismo di quanti sono impegnati ogni giorno  di fermare l’ondata di violenza che si abbatte sulle donne . Nei dibattiti che hanno fatto seguito alle presentazioni del libro “Il sangue delle Donne- trenta anni di femminicidi in Umbria “- tutti  gli interventi finivano lì: educazione  nelle famiglie e nelle scuole, partecipazione attiva delle collettività, tutela delle ptutti  gli interventi finivano lì: educazione, nelle famiglie e nelle scuole, partecipazione attiva delle collettività, tutela delle potenziali vittime e di chi denuncia i violenti, inviti alla liberazione da ogni condizione di soggezione. Read more…

venerdì, agosto 18, 2017 Categoria: Cronache

Presidio del territorio,presidio del web contro la jihad

img_0518Che fare? Questa è una guerra che non si vince con le armi che si usano nelle guerre che  conosciamo per un ricordo recente o perché le stanno combattendo adesso e le abbiamo ogni giorno davanti agli occhi. E non perché le armi di chi attacca siano non convenzionali e siano molto più semplicemente e tragicamente un fai da te altamente nocivo. Ma perché gli attacchi non vengono portati secondo tecniche militari apprese nelle accademi o nei campi di addestramento . Superato un breve e non sempre necessario tirocinio ,mitragliatori,razzi,  bombe , si spostano in un non luogo dove questo esercito di nuova generazione non ha eretto fortificazioni ma ha dislocato le sue potenti armi nformatiche.

Read more…

giovedì, luglio 27, 2017 Categoria: Cronache

“Shaken”: cronaca di un delitto brutale e di un fenomeno sommerso

image1di ALLAN FONTEVECCHIA

“Shaken baby syndrome” è la sindrome del bambino scosso. E’ la causa della morte di Maria Geusa , 2 anni e 7 mesi, prima abusata e poi uccisa a Città di Castello il 5 aprile 2004. “Shaken – la bambina che attraversò il portone del pianto” , il nuovo libro di Alvaro Fiorucci ( Morlacchi Editore ) è la ricostruzione dei principali snodi  attraverso i quali la  giustizia ha affrontato un terribile fatto  che nel linguaggio asettico della cronaca è stato nello stesso tempo  facile e complesso. Facile perché   l’esecutore è stato preso dopo poche ore . Difficile invece per la ricostruzione delle  diverse fasi del delitto e per stabilire il ruolo della madre della  piccola vittima. E’ un  caso nel quale l’indagine scientifica- in particolare per identificare i reati commessi- ha avuto un a parte determinante anche se poi nei vari gradi di giudizio  è stato il  giudice, come lo era stato il pm per formulare le accuse, ad essere il perito dei periti, il “peritus peritorum”. Read more…

domenica, giugno 4, 2017 Categoria: Cronache

“Shaken”: in un libro il calvario di Maria Geusa

shakendi ALLAN FONTEVECCHIA

<<…..I bisogni che l’adulto può trovarsi a sfogare sul minore sono i più disparati, fra i più frequenti che l’esperienza giudiziaria insegna, vi sono il bisogno di esternare la collera o comunque la sofferenza interiore dell’adulto, per i fatti negativi della sua vita o per una sua sofferenza esistenziale irrisolta, e l’istinto sessuale.Così accade, purtroppo, seppure in casi sporadici, ma che comunque colpiscono negativamente l’attenzione dell’opinione pubblica, suscitando sdegno e riprovazione, che l’adulto inveisca, umili e picchi il minore o che lo usi, quale oggetto delle proprie attenzioni sessuali.Tale è stato il triste destino della piccola Maria Geusa, di cui tratta questo libro, una bimba di 2 anni e 7 mesi di vita, dapprima abusata sessualmente e poi uccisa dal compagno della madre. Il caso ha destato particolare commozione tra la gente per la tenerissima età della bimba ed altrettanto particolare riprovazione sociale per il coinvolgimento della madre nella vicenda Read more…

venerdì, aprile 14, 2017 Categoria: Cronache

Storie di “Lupi” e delle loro fughe diverse

download-1downloadLe analisi  che tendono a sovrapporre la  vicenda  criminale di Igor Vaclavic, sembra questa l’identità al dunque accertata, a quella di Luciano Liboni   rischiano di produrre un falso storiografico. Non c’è infatti nelle storie personali dei due banditi un elemento che li accumuni più di quanto siano genericamente   paragonabili tutti coloro che delinquono e uccidono. I due sono  diventati assassini per strade completamente diverse, stando a  quello che è noto del ricercato di oggi . E’ nella fuga che sembrano-ma soltanto per brevi tratti- percorrere/ripercorrere strade  che attraversano situazioni paragonabili. Per esempio è comune la dote fisica  della  capacità di nascondersi negli ambienti  più ostili e di sopravvivere nelle condizioni più estreme. Per questa capacità  Luciano Liboni  è stato “il lupo” e  il serbo Igor Vaclavic  è diventato “Il lupo”.   Read more…

Pagina 1 di 2112345...Ultima »