Archivio della categoria marzo, 2022

sabato, marzo 19, 2022 Categoria: Senza categoria

La misteriosa scomparsa di una studentessa: presto nelle librerie e negli store on line

La breve esistenza di una studentessa fuorisede si dissolve nel mistero  degli incroci di identità conosciute e di presenze senza nome. Le sue ultime parole, la  puntuale telefonata di fine giornata alla mamma. Poi il silenzio angosciante  di chi scompare inghiottito nella trama di un giallo che resterà incompiuto. Parole terribili vengono intercettate inutilmente: L’hanno tritata come immondizia. Il cadavere non lo troveranno. C’è  la certezza dell’opera di  un assassino che non ha lasciato  tracce. Tutto si compie  nel perimetro degli  ultimi anni di una  giovane vita che è stata spenta per un movente incerto. Un quadrato attraversato da  storie di fede e di amori sognati, di teologia e di mezze verità, di droga e di sospetti indicibili. Suggestioni svanite alla prova dei fatti. Tre vescovi chiamati insieme a testimoniare è solo un fatto inconsueto. Tante incognite per i magistrati e gli investigatori che nel tempo dilatato e scomposto  delle indagini e dei processi hanno cercato di dare una risposta alla domanda di verità della famiglia di Sonia Marra. Non riuscendoci.

sabato, marzo 19, 2022 Categoria: Senza categoria

Intorno alla violenza di genere: tra otto marzo e venticinque novembre.

Muoiono di piombo, di coltello, di spranghe , di martelli, di cacciavite, di calci, di pugni. Strozzate con le mani , con cinte, corde, sciarpe, cavi elettrici. Soffocate da cuscini, asciugamani, buste di plastica, nastri da pacchi. Bruciate o  smembrate o fatte scomparire , quando serve. A volte la messa in scena di incidenti domestici. Vengono uccise per ragioni che hanno a che fare con la tradizione e il costume, con la cultura corrente in quel momento. Read more…

sabato, marzo 19, 2022 Categoria: Cronache

Umbria anni’90: sulle tracce della Sacra Corona Unita

Un pentito che gira con la Ferrari, un latitante che diventa collaboratore , un carabiniere che si finge complice  per farne arrestare un  buon numero. Sul finire degli anni Settanta  un paio di operazioni della Dia  raccontano  che dopo la mafia, la camorra e  la ‘ndrangheta anche la criminalità salentina punta sull’Umbria per avere un buon rifugio e, all’occasione,  un territorio da coltivare. Del resto, la Sacra Corona Unita  è considerata anagraficamente figlia delle organizzazioni napoletane e calabresi. Che crescendo ha molto imparato anche da quella siciliana. Alle 5 del 10 novembre 1996 un trentenne che traffica droga e sigarette dal Montenegro, in ascesa nella gerarchia dei boss, è a Perugia. Sta per entrare nell’abitazione di un suo vecchio sodale ora diventato collaboratore di giustizia e stabilmente residente nel capoluogo umbro. Il pentito si chiama Salvatore Tagliente e se la passa bene: ha  la Ferrari e un corposo conto in banca. Le sue dichiarazioni nel 1994 avevano fatto arrestare un buon numero di esponenti delle cosche brindisine. Chi sta per fargli visita è Benedetto Stano, un capo riconosciuto e temuto, latitante da un paio di anni, da quando cioè era sfuggito alle retate favorite proprio dall’amico che stava per incontrare. Read more…