Archivio della categoria giugno, 2016

mercoledì, giugno 29, 2016 Categoria: Cronache

Dopo la Cassazione,alla ricerca di un nuovo processo: Rudi Guede e le prove che servono per cassare la Cassazione.

toccofiorucci_copertina_Meredith_frontalePer semplificare e farci un’idea  della situazione dal punto di vista procedurale: se ci sarà non sarà un nuovo processo a Rudi Guede. Sarà un processo al processo che in secondo grado  lo ha condannato a sedici anni di carcere per concorso nell’omicidio di Meredith  Kercher avvenuto a Perugia  nel novembre del 2007. Condanna  definitiva dopo la confermata dalla Suprema Corte di Cassazione. E perché questo processo al processo abbia luogo il condannato deve produrre fatti e prove che i giudici ( nello specifico i giudici della Corte d’Assise d’Appello per competenza territoriale )  valutino suscettibili di un ribaltamento della sentenza di colpevolezza e  di  provare la sua innocenza rispetto al reato  che ha portato al verdetto di  condanna (emesso dalla Corte d’Assise d’Appello di Perugia)  . Tutto  questo –anche in caso di  ammissibilità del ricorso- non interferisce/non interferirà con  il processo che ha portato all ’assoluzione definitiva dei coimputati  Amanda Knox e Raffaele Sollecito . In caso di ricorso accolto e di esito favorevole per l ‘unico condannato per il delitto di via della Pergola , si potranno fare al massimo delle congetture tra l’una e l’altra vicenda giudiziaria.  La riapertura del  caso, con il processo al processo  potrà eventualmente riguardare soltanto l’ipotetica innocenza del giovane ivoriano dimostrata  con inediti e certi elementi di prova per ribaltare il giudizio che ha il timbro definitivo della Cassazione: perché  la condanna si trasformi in assoluzione ( perché l’azione penale non poteva essere promossa, perché il fatto non sussiste, perché il fatto non è stato commesso dall’imputato, perché il reato  è estinto). A questo punto non ci sono vie di mezzo.  Il ricorso è ammissibile soltanto a queste condizioni. Lo prevedono gli articoli  629, 630 e 631  del codice di procedura penale. Read more…

sabato, giugno 25, 2016 Categoria: Senza categoria

Meredith Kercher: le prime 36 ore di libertà di Rudi Guede

fiorucci_copertina_Meredith_frontaleIl  ventenne ivoriano entra nella cornice del delitto di via della Pergola   quando   Patrik Lumumba , Amanda Knox e Raffaele Sollecito sono in carcere  da un paio  settimane.  Diventa il terzo uomo dell’omicidio di Meredith Kercher  il 20 novembre 2007  con la fine della fuga e l’arresto a Magonza dopo una notte trascorsa su Skype con un amico di Perugia.   Ero in quell’abitazione, non ho ucciso Meredith, non so chi è l’assassino:  è la sintesi di quello che racconta ai giudici di Coblenza che lo consegnano alle autorità Italiane il 7 dicembre 2007.  Ed è la sintesi di quello che racconterà ad ogni svolta del la complicata vicenda  giudiziaria   che attraversa con gli altri protagonisti.  Patrik del tutto estraneo, torna  in libertà il 20 novembre, Amanda e Raffaele , restano in carcere fino alla prima assoluzione, del  4 ottobre 2011. L’udienza preliminare  del 28 ottobre 2008  separa le scelte processuali di Amanda Knox e di Raffaele  Sollecito da quelle di Rudi Guede.  I primi due scelgono il rito ordinario e vengono assolti definitivamente il 28 marzo 2015.  L’ivoriano sceglie il rito abbreviato, 30 anni in primo grado, 16 anni definitivi dal 16 dicembre 2010. Concorso nell’omicidio di Meredith Kercher con persone rimaste sconosciute. Al momento nei tanti capitoli  che hanno fatto l’anatomia giudiziaria   dell’omicidio  di Meredith Kercher  il giovane ivoriano  non ha cambiato versione su quella terribile notte: era al bagno, ho sentito un grido, ho trovato Meredith agonizzante, non so chi è stato ad uccidere.   Read more…