Archivio della categoria agosto, 2021

martedì, agosto 24, 2021 Categoria: Senza categoria

Gaia Servadio e il mistero della Molotov di Avigliano Umbro

Il 25 settembre 1992 brucia un’auto nel parcheggio mentre all’interno del ristorante un gruppo di amici consuma un pasto di prodotti tipici. La berlina di Gaia Servadio è in fiamme, perché è stata colpita da una Molotov lanciata da uno sconosciuto che probabilmente non era solo. Gaia Servadio, che da Padova dove è nata si è trasferita a Londra nel 1956, è già l’italiana più amata dagli inglesi e la stima per la sua attività giornalistica e di saggista cresce ovunque di successo in successo. Spesso è in Italia e nel piccolo comune di Avigliano ha una base dove trascorre periodi di riposo quando sente il bisogno di ricaricarsi nella quiete della campagna umbra. Come le altre sue abitazioni anche questo casolare ha la porta sempre aperta. A varcarla un piccolo mondo della cultura internazionale che si è ritrovato ad avere un punto di riferimento tra Todi e Orvieto: Beverly Pepper, Ben Gazzara, Enzo Siciliano, Peter Stein, Jane Kramer, Stephen Ward, Carone, Kulakov, Messeguè. Read more…

venerdì, agosto 13, 2021 Categoria: Cronache

Il falso brasiliano di Foligno, il volo con il procuratore e la strage di Bologna

Fecero finta di niente anche la notte del 16 febbraio 1981, quando lo arrestarono per un furto di mobili antichi e di una pala d’altare. Eppure, il nome, Roberto Da Silva, 24 anni, nato a Rio De Janeiro, e l’attività, commerciante di oggetti d’antiquariato, erano coperture della quale almeno tre dirigenti della polizia furono sospettati di sapere che un’altra persona,  ricercata per tentato omicidio.  Forse sapevano e lo favorirono dandogli anche il porto d’armi. Sotto inchiesta giurarono di essere all’oscuro del taroccamento e le indagini si arenarono sui loro dinieghi. Come più avanti negli anni per due preti, una suora e un militare, fu solo una brutta parentesi l’arresto per averlo aiutato a Reggio Emilia , sua città natale. Nel 1976 aveva lasciato il Brasile ed era arrivato in Italia. Si era stabilito a Foligno, con quella identità di fantasia, protetto dallo schermo di complicità impensabili. Furono infatti anni di assoluta tranquillità quelli trascorsi all’Albergo La Nunziatella. Read more…

sabato, agosto 7, 2021 Categoria: Cronache

Trenta anni fa, falso mostro di Foligno, ora ingegnere, Stefano Spilotros si candida in politica

di Allan Fontevecchia -Stefano Spilotros, cinquantenne nonno felice, sarà uno dei candidati alle comunali del suo paese, Caravaggio. Lo scrive ” Il Corriere della Sera” nella pagine di Bergamo. Sono trascorsi quasi trenta anni, ma la sua avventura/ disavventura giudiziaria in Umbria , se la ricordano ancora in  tanti, Se non altro perché  quella incredibile parentesi che l’ha visto protagonista  è stata per settimane sulle prime pagine dei giornali e nei titoli dei telegiornali non solo italiani. E perché il suo nome lui stesso l’accostò al Mostro di Foligno, che il 4 ottobre aveva rapito e barbaramente ucciso un bambino di quattro anni, Simone Allegretti.  Meglio: disse <<sono io il Mostro >> e lo presero sul serio.

Read more…