venerdì, novembre 19, 2021 Categoria: Senza categoria

Archivio: storia della grande spoliazione della Madonna del Bagno

La grande spoliazione del santuario della Madonna del Bagno  avviene  con un raid  impietoso la notte  4 settembre 1980. E quando, prima della fine di quell’anno,  una piccola parte delle 204 formelle votive trafugate viene  ritrovata c’è chi grida al miracolo anche se è opera prevalente di un informatore dei carabinieri. Altri recuperi avverranno successivamente, l’ultimo nel 2011, lenta ricomposizione di un puzzle sulla quale nessuno avrebbe scommesso un centesimo. Sono ancora tante le maioliche devozionali che devono tornare al loro posto, finite, attraverso   i meandri del mercato clandestino tra i pezzi pregiati di collezionisti italiani e stranieri, insospettabili ricettatori dell’arte rubata. Sta di fatto che ad ogni ritrovamento , se di poche unità fa lo stesso, la devozione popolare ringrazia chiunque l’abbia favorito con messe e processioni, Per mantenersi nel canovaccio di una storia che dalla metà del ‘600 intreccia fede, tradizione e abilità artigianale. Perché non si può escludere a priori che qualcuno dal cielo, la Vergine  che si ritiene direttamente interessata, dia , comunque, sempre una mano. Dunque, il 1980. Sono in quattro , forse in cinque e  fermano il loro furgone davanti al Santuario della Madonna del Bagno ( o dei Bagni ). Che ha una particolarità: scarsamente illuminato, senza un adeguato sistema dall’allarme, contiene un tesoro unico nella sostanza e nelle dimensioni: ottocento formelle    nelle quali gli artigiani della vicina Deruta nel corso dei secoli hanno saputo rappresentare ( e continuano a farlo ) come in un solo quadro di fumetto, una grazia ricevuta, un pericolo sventato , una guarigione, una carestia evitata , una morte o più morti tenute lontane. La Madonna dei Bagni   comparve per la prima volta, alla metà diciassettesimo secolo,  raffigurata in un coccio di tazza di maiolica. Il prodigio iniziale, secondo la tradizione, fu a favore di un  certo Cristofono di Casalina che ne radicò  il culto che a sua volta fece crescere il santuario. I ladri sanno come muoversi e sanno che più maioliche porteranno via, più alta sarà la loro paga: evidentemente è un furto su commissione per alimentare certi traffici criminali che non conoscono crisi. Trapani, martelli, scalpelli in una sacca, eccoli che  si avventano sugli  800 ex voto esposti alle pareti della chiesa. Ne portano via 204 e 40 sono in frantumi sul pavimento perché non hanno resistito ai colpi inferti per il distacco. Mesi di silenzio poi qualcuno parla e fa ritrovare , disseminate tra Roma e Napoli un discreto numero di formelle. Si accende la speranza di poterle riavere tutte . Il 18 luglio 1981 in una casa cantoniera lungo la via Appia c’è un motivo per far festa: 21 piastrelle trafugate sono lì e tornano a casa . Operazione dei carabinieri. Probabilmente c’è stato un passaggio di mano tra ladri e ricettatori. Che rimangono sconosciuti.  A metà maggio del 1984  la  Guardia di Finanza arriva  alla Madonna dei Bagni con 24 maioliche votive appena rintracciate. Poi anni di silenzio fino al 2011 quando nelle Marche durante la demolizione di una casa l’intonaco rilascia un’altra formella derutese. Gli ottimisti lo interpretano come un segno di speranza per i recuperi futuri che con l’aiuto del Cielo o degli informatori ci saranno.

Lascia un commento