prev next
1 ottobre, sabato, 2022 Categoria: Cronache

Il crimine cinese alimentato da massaggi e prostituzione

Manette per otto, domiciliari per altri, in tutto 22 misure cautelari e poi  sigilli a 11 centri di bellezza e 4 appartamenti e  via   conti correnti  e macchine di lusso. Sono i numeri di una operazione  avviata dai carabinieri si Assisi e coordinata dalla Procura della Repubblica di Perugia che ha colpito gli arricchimenti facili di una organizzazione criminale cinese (mafia ?) che attraverso un’attività di copertura (sale per massaggi)  faceva prostituire negli stessi locali  le operatrici ( reclutate con gli stessi sistemi  vhe nell’ultimo trentennio ha fatto la fortuna di altre mafie come quelle albanese e nigeriana )  negli stessi locali , ragazze immigrate clandestinamente ,con permessi di soggiorno taroccati , riciclaggio dei guadagni, prestanome italiani per affitti e licenze,  almeno 350.000 euro al mese da riciclare  in attività  pulite. Schema classico di penetrazione  nei sistemi economici e finanziari, come Cosa Nostra, Camorra e soprattutto , al presente, ‘ndrangheta. Leggi tutto…

19 settembre, lunedì, 2022 Categoria: Senza categoria

Esaminati dalla Commissione Antimafia i grandi casi irrisolti: da via Poma al Mostro di Firenze, dalla morte di Narducci a quella di Pantani.

Trentasette anni dopo, i fascicoli sulle  controverse cause della   morte del medico perugino Francesco Narducci,  inglobati in quelli più antichi sugli otto duplici omicidi del Mostro di Firenze, sono finiti tra le carte di una delle sezioni, la nona, della Commissione Parlamentare Antimafia. Come del resto anche le altre vicende criminali considerate con troppi buchi neri, hanno dato mesi di lavoro ai commissari, a cominciare da via Poma e il caso irrisolto dell’assassinio di Simonetta Cesaroni, ai dubbi intorno  all’improvvisa e misteriosa fine di un campione, Marco Pantani. La relazione  conclusiva  di questo corposo capitolo è stata approvata all’unanimità. Leggi tutto…

15 settembre, giovedì, 2022 Categoria: Senza categoria

Rapina la banca con la sigla “B.R”: sono le sue inziali , ma …

In fondo alla mezza paginetta con la quale chiede un miliardo di lire  per evitare una strage  c’è la sigla “B.R”. Brigate Rosse? No, semplicemente  le iniziali del suo cognome e del suo nome, ma ci vorrà del tempo per leggerle nella maniera giusta. La minaccia funziona e il latore del messaggio esce dalla banca con un acconto di 148 milioni. Leggi tutto…

15 settembre, giovedì, 2022 Categoria: Senza categoria

L’omicidio di Fatima che non voleva essere schiava

Fatima Abdelali ha 32 anni, viene dal Marocco e non crede che vestirsi e affrontare la vita alla maniera delle sue coetanee occidentali, sia una colpa o un peccato. Si sbaglia: c’è chi considera un certo abbigliamento piuttosto che  un altro  peggio che  disdicevole, che vede nelle uscite   con le amiche, e magari nelle brevi soste  al bar, un affronto da punire a  schiaffi e pugni, che avverte in quel minimo di libertà che lei reclama  il tentativo di sottrarsi al  suo potere di controllo che non può che essere totale. Premesse per un femminicidio. Infatti considerata un oggetto che sfugge di mano viene  massacrata a coltellate il  23 gennaio 1999, un sabato pomeriggio. Le tv  danno la notizia alle 19,30 ed è in prima pagina il giorno dopo su tutti i giornali. Accanto al cadavere della ragazza ce n’è un altro. Leggi tutto…

19 agosto, venerdì, 2022 Categoria: Senza categoria

La Volpe: un sindaco contro il pizzo quando racket era una parola sconosciuta

Gli anni ’70 sono agli sgoccioli e Bastia Umbra è tra i comuni italiani con il più alto reddito pro-capite. Sono il commercio e l’artigianato a distribuire tanta ricchezza tra i suoi cittadini. La camorra e i suoi derivati locali lo sanno. Conoscono anche il modo di fruttare al meglio per loro tornaconto la situazione. Con il pizzo, ovviamente. Le vittime del ricatto sono già diverse, ma nessuna fiata. Tocca al sindaco, Alberto La Volpe, socialista per cultura e giornalista per mestiere, squarciare il velo  di silenzio che più che di omertà sa di tirare a campare senza noie. Leggi tutto…

19 agosto, venerdì, 2022 Categoria: Senza categoria

Sei mesi nel buio: in Umbria 43 persone scomparse nel nulla.

In Umbria i primi sei mesi del 2022 hanno inghiottito 43 persone delle quali si è persa ogni traccia. Questo in base al rapporto dell’Alto Commissariato nel quale è scritto che le denunce di scomparsa sono state 130  e che di queste  87  hanno avuto il ritrovamento come epilogo, una percentuale pari al 66,92 per cento. Le 43 persone ,il 33,08 per cento,  che mancano all’appello, che non sono state ritrovate , che non sono tornate a casa, che fine hanno fatto? Dove sono? Perché sono diventate dei fantasmi? Un fenomeno complesso al quale l’analisi generale contenuta nel più recente report del Commissariato  per persone scomparsa, cerca di dare un a risposta. Intanto il  recente passato in Umbria. Leggi tutto…

13 luglio, mercoledì, 2022 Categoria: Senza categoria

Per non dimenticare Maria Teresa Bricca, contro la violenza sempre

Amici, molti con lo stesso impegno politico, come quando poco più che ragazzini stavano nel Gruppo Camillo Torres e si ritrovavano alle conferenze di dom Giovanni  Franzoni, padre Ernesto Balducci, Livio Labor delle Acli o di Mario Gozzini quella della legge del carcere che rieduca. Amici colpiti da un dolore forte e permanente, come succede ai parenti stretti, per l’omicidio di una di loro. Maria Teresa Bricca, 25 anni appena, si divide tra la famiglia a  Città della Pieve e il lavoro all’Istituto Tecnico di Città di Castello. Il pomeriggio dell’11 ottobre 1977, martedì, è stata uccisa. Pugni, calci, le mani strette intorno al collo,  la testa più volte sbattuta contro un lavandino. Una violenza mostruosa. Non  è ancora morta quando l’assassino fugge via lasciandola agonizzante per ore, forse addirittura 36, nel suo sangue. Leggi tutto…

8 luglio, venerdì, 2022 Categoria: Senza categoria

La Loggia Ungheria ? Ma quale nuova P2, solo chiacchiere , chiesta l’archiviazione.

di Allan Fontevecchia

La Procura della Repubblica ha chiesto al giudice delle indagini preliminari del  Tribunale di Perugia l’ archiviazione per il procedimento sulla cosiddetta  ‘”loggia Ungheria”,  accompagnando i 15 faldoni dei documenti dell’inchiesta con 167 pagine di osservazioni con le conseguenti deduzioni. La notizia è stata diffusa dal procuratore capo Raffaele Cantone per “evidenti ragioni di interesse pubblico”. C’è interesse pubblico per queste ragioni: l’indagine riguarda  una presunta associazione segreta, che avrebbe agito in violazione della  Legge Anselmi le associazioni segrete che ”svolgono attività diretta ad interferire sull’ esercizio delle funzioni di organi costituzionali. Leggi tutto…

27 giugno, lunedì, 2022 Categoria: Senza categoria

Antimafia e donne che scompaiono: una lettera per Barbara Corvi

– “Quella della scomparsa di Barbara Corvi è una situazione molto complicata e in itinere. Sull’affermazione di Pierpaolo Pasolini ‘noi sappiamo, ma non abbiamo le prove’, basiamo il nostro lavoro. Si tratta di un lavoro lungo, complicato, ma dal quale non vogliamo tirarci indietro. Non può esistere che una donna, nel 2022, possa sparire senza che nessuno sappia più nulla da 13 anni”. È quanto ha affermato il presidente dell’Osservatorio regionale sulla criminalità organizzata e l’illegalità, Walter Cardinali a margine dell’iniziativa “Libere di essere”, organizzata dallo stesso Osservatorio in concomitanza con la data di compleanno di Barbara Corvi, scomparsa il 27 ottobre 2008 ad Amelia e della quale, da allora, non si hanno più notizie. Leggi tutto…

Pagina 1 di 4512345...Ultima »