prev next
9 maggio, domenica, 2021 Categoria: Senza categoria

Magistrati sotto inchiesta: ritorno al passato

Se le amicizie di Luca Palamara e i verbali di Piero Amara fossero fulmini e grandine dello stesso temporale si potrebbe dire che la perturbazione è tornata a Perugia dove tanto tempo fa se ne avvertirono le prime avvisaglie. La procura della repubblica che-per il coinvolgimento di un buon numero di magistrati romani- oggi indaga sulle vicende dell’ex presidente del Csm e sulle denunce dell’avvocato dei dossier milanesi – è, infatti,  lo stesso ufficio  che nella seconda metà degli anni ’90 aveva sotto inchiesta fatti  e personaggi che finirono, per semplificare, in un unico contenitore che si chiamò, indifferentemente,  “tangentopoli due” o “toghe sporche”. Etichette che dicono tutto. Etichette di una stagione che sembra, appunto, rifiorire in questi giorni. Leggi tutto…

24 aprile, sabato, 2021 Categoria: Senza categoria

Barbara Corvi: ritorno al punto zero?

Tutto torna al punto di partenza? Al punto zero? La scarcerazione di Roberto Lo Giudice intanto ci dice che a carico dell’uomo non ci sono indizi per tenerlo in carcere. E particolarmente interessante sarà conoscere la motivazioni con le quali il Tribunale del Riesame  ha ritenuto – per questa mancanza di prove- di rimettere in libertà l’uomo accusato  dell’omicidio della moglie. È cioè rilevante conoscere  la valutazione che i giudici hanno dato del lavoro inquisitorio della Procura della repubblica  di Terni. A cominciare dalle considerazioni intorno al ruolo dei pentiti di ‘ndrangheta. E questo sarà uno snodo cruciale. Quelle motivazioni saranno un primo indizio  del destino della  ricerca   della verità sulla  scomparsa di Barbara Corvi : si torna al niente che c’era fino alla riapertura della indagini di un anno fa? Le prossime mosse procedurali della Procura della repubblica saranno altrettanto indicative. Sono trascorsi più di 13 anni: c’è ancora da aspettare. Leggi tutto…

10 aprile, sabato, 2021 Categoria: Cronache

Quando il sospetto camorra provocò il blocco dei lavori del carcere per i mafiosi

Capita, a volte, che,   a lavori in esecuzione , lo Stato scopra che l’appalto se l’è aggiudicato un’azienda prossima alla criminalità organizzata e che, di conseguenza, sia costretto a bloccare tutto. A Perugia una situazione del genere ha prodotto negli anni ’90 una curiosità e un paradosso. La curiosità è che il  bando per costruzione del carcere di Capanne, che avrà una porzione destinata al 41 bis, dunque anche all’isolamento dei detenuti mafiosi, è stato vinto da un’impresa contigua ad un clan camorristico. Il paradosso è che , con il cantiere bloccato, in un’ area sistemata  per l’occorrenza, si è celebrato un  maxi processo  che aveva tra gli imputati e i testimoni pentiti e capi di Cosa Nostra. Oltre a personaggi di riguardo come un ex presidente del consiglio dei ministri che è stato a capo del governo per sette volte.  Per  la prima volta  la criminalità organizzata ha costruito un luogo dove processare sé stessa. Leggi tutto…

4 aprile, domenica, 2021 Categoria: Cronache

Barbara Corvi: i significati generali di un’inchiesta particolare

Capita che  improvvisi e importanti sviluppi di indagini complesse  abbiano un valore rilevante non solo per l’inchiesta in sé. Possano avere valori significativi  di carattere generale in più ambiti. Oltre la vicenda particolare. È- crediamo-il caso dell’accelerazione impressa recentemente, a dodici anni dai fatti, all’inchiesta sulla tragica fine di Barbara Corvi, la 35enne di Montecampano di Amelia, scomparsa dal 27 ottobre 2009.Il 30 marzo i carabinieri- coordinati dal procuratore della repubblica di Terni Alberto Liguori- hanno arrestato Roberto Lo Giudice- il marito di Barbara e padre dei due figli della coppia. Gli inquirenti lo accusano di omicidio volontario e di soppressione di cadavere. La donna sarebbe stata sciolta nell’acido. L’uomo sarebbe stato aiutato da uno dei suoi fratelli  Maurizio. Il movente è la gelosia da una parte e provati sostanziosi interessi economici dall’altra. Leggi tutto…

25 marzo, giovedì, 2021 Categoria: Cronache

Il fuoco nel biglietto da visita delle mafie

Prima le  parole di fuoco di una  voce camuffata al telefono o scritte in  lettere roventi a prova di perizia calligrafica . Poi  ancora il fuoco; stavolta fiamme vere che ardono , bruciano , distruggono e mandano segnali . E’ come se anche loro parlassero allo stesso modo : minacce, pizzo, recupero crediti di soldi a strozzo. Primi passi di una criminalità dai metodi spicci . E’ successo almeno 4 volte in rapida successione a Bastia Umbra negli anni ’70, addirittura 7 volte in un paio di mesi, negli anni ’80 a Foligno, 3 volte in poche settimane tra Ponte Felcino e Ponte San Giovanni all’inizio del 2000.  Tre fasi storiche alla quale subentrerà una quarta. In genere è stato il fuoco il biglietto da visita  delle mafie  quando si sono  infiltrate in regioni diverse da quelle di origine  per prendere il controllo dello  spaccio della droga e degli incassi della prostituzione. Accumulazione primaria per affari da spa. Leggi tutto…

12 marzo, venerdì, 2021 Categoria: Cronache

1974: trovato a Gubbio il killer che ha 65 milioni di anni.

E’ una bella giornata della primavera del 1974 quando la paleontologa Isabella Premoli Silva accompagna sulla scena del crimine il geologo americano Walter Alvarez che è uno degli investigatori più accaniti alla caccia di un misterioso killer che avrebbe appena compiuto 65 milioni di anni. Un giallo irrisolto nonostante sparsi per il mondo siano al lavoro decine di inquirenti. Nel 1974 Premoli Silva ed Alvarez puntano su Gubbio e si fermano dentro la gola del Bottaccione. Con scalpelli, piccozze ed altri piccoli arnesi da scavo, quasi dei bisturi, si mettono a selezionare come due della scientifica quando devono repertare un’arma del delitto. Che in questo caso è un tutt’uno con l’assassino. E’ su quelle rocce calcaree che disegnano un panorama da Jurassic Park che ci potrebbero essere indizi preziosi per individuare lo strumento letale che ha fatto sparire per sempre  i dinosauri dalla terra. Leggi tutto…

27 febbraio, sabato, 2021 Categoria: Cronache

Umbria: le mafie ci sono e non fanno rumore

E’ una lenta ma  costante penetrazione nel tessuto economico quella che da almeno mezzo secolo, con un’accelerazione nell’ultimo ventennio, attuano anche in Umbria  le mafie italiane e straniere  attraverso  varie forme di riciclaggio del denaro proveniente da diversi profitti illeciti ,a cominciare da quelli del traffico della droga e degli esseri umani . Una penetrazione che  genera le condizioni  per insediamenti di natura sempre più stabile e per infiltrazioni sempre è più a vasto spettro nei mondi della finanza e dell’impresa. Anche se i legami con i territori d’origine non vengono recisi, anzi c’è una sorta  di osmosi e di autorinforzo.  Le mafie non fanno rumore e hanno bisogno di silenzio: raramente entrano in collisione tra loro , come è successo negli anni’90 dello scorso secolo, per evitare pubblicità e  clamore . Al bisogno si accordano. La ‘ndrangheta tra le italiane, e la nigeriana e l’albanese  tra le straniere, sono le mafie più attive  in Umbria, come risulta dal rapporto della Direzione Investigativa Antimafia relativa al primo semestre del 2020 che pubblichiamo qui sotto.  Leggi tutto…

25 febbraio, giovedì, 2021 Categoria: Cronache

Un recovery fund contro il ritorno di Satana

Nei giorni in cui gli esperti fanno salire a trentamila il numero degli italiani che  sono attratti dalla figura di Satana e stimano che in Umbria almeno dodici sette praticano i territori del 666, brucia il castello di Pieve del Vescovo a Corciano. Il maniero seicentesco, per secoli dimora estiva dei capi della chiesa perugina, tra i quali anche un papa, Gioacchino Pecci, si incendia la notte del 28 marzo 1994. E’ abbandonato e lasciato ad una inarrestabile rovina. Servirebbero forti investimenti per rimetterlo in sesto. Che non si trovano: non ci sono recovery fund alle viste, a quel tempo. Imponente, isolato, incustodito e ricco di richiami esoterici è però frequentatissimo di notte. Quando c’è una certa luna e il cielo manda sul biancore delle pietre una certa luce: sono le condizioni ideali per invocare il maligno con una di quelle celebrazioni demoniache che sono dette messe nere. Proprio durante un rito blasfemo di questo tipo sarebbe avvenuto l’incidente, fiamme su alcuni drappi portati dall’esterno, che ha spinto al punto di collasso una rara e preziosa testimonianza del passato. Leggi tutto…

25 febbraio, giovedì, 2021 Categoria: Cronache

Nove elettroshock per la testimone inattendibile

Gli elettroshock  sono in grado di  resettare  le memorie anche  di soggetti magari in difficoltà  ma sostanzialmente sani di mente. Nove elettroshock invece spingono inevitabilmente  i ricordi  di un testimone psicologicamente fragile che li subisce nel territorio dell’incertezza e dell’oblio. Così i suoi ricordi sono improponibili  in un processo. E’ l’esperienza di una donna diventata adulta a Perugia che la Corte d’Assise di Bologna cita  nella sentenza che ha condannato all’ergastolo l’ex terrorista nero Gilberto Cavallini per la strage alla stazione del 2 agosto 1980. Alessandra De Bellis , figlia di un ufficiale della polizia stradale,   aveva  saputo  per tempo   che la Casa del Popolo di Moiano (24 aprile 1974)  l’avrebbero fatta saltare in aria con il tritolo e che una bomba  sul treno Italicus ( 4 agosto 1974 ) avrebbe fatto uno strage. Leggi tutto…

Pagina 3 di 4212345...Ultima »