Archivio della categoria febbraio 1st, 2015

domenica, febbraio 1, 2015 Categoria: Cronache

L’equivoco della pena: la decisione sulla libertà per Luigi Chiatti vincolata alla pericolosità sociale

il-caccaitore-di-bambini-2 Fine della pena  per Luigi Chiatti non significa automaticamente libertà. Scontata la detenzione non  ha saldato del tutto i conti con la giustizia per gli omicidi di Simone Allegretti e di Lorenzo Paolucci. La sentenza definitiva lo ha condannato a  trenta anni di carcere. A settembre ( forse anche a giugno secondo un diverso conto degli abbuoni previsti dalla legge Gozzini)  li  avrà finiti di scontare. Restano però tre anni di permanenza in una struttura di custodia e cura prevista dalla sentenza definitiva per la sua pericolosità sociale. Pericolosità sociale che per legge deve essere di nuovo valutatata prima di dare luogo all’esecuzione della misura di sicurezza stessa.Dalla prigione a qualcosa di simile al manicomio giudiziario, se Luigi Chiatti viene giudicato ancora pericoloso .Dalla prigione alla libertà se la valutazione di  Luigi Chiatti dovesse cambiare e la sua  pericolosità sociale venisse giudicata non sussistere più..L’equivoco sulla supporta imminente  liberazione del geometra che si  è autodefinito <<il Mostro di Foligno >> è tutto qui. Se ci fosse una pronuncia  conseguente alla sentenza definitiva dopo tre anni , nuova valutazione  psichiatrica , di nuovo in bilico tra custodia e libertà.   E’ semplice. Tutto è scritto nella sentenza della corte d’assise d’appello di Perugia dell’11/4/1996 ( vedi “Il cacciatore di bambini- biografia non autorizzata del mostro di Foligno”- Morlacchi editore) . Read more…