Archivio della categoria febbraio 25th, 2021

giovedì, febbraio 25, 2021 Categoria: Cronache

Un recovery fund contro il ritorno di Satana

Nei giorni in cui gli esperti fanno salire a trentamila il numero degli italiani che  sono attratti dalla figura di Satana e stimano che in Umbria almeno dodici sette praticano i territori del 666, brucia il castello di Pieve del Vescovo a Corciano. Il maniero seicentesco, per secoli dimora estiva dei capi della chiesa perugina, tra i quali anche un papa, Gioacchino Pecci, si incendia la notte del 28 marzo 1994. E’ abbandonato e lasciato ad una inarrestabile rovina. Servirebbero forti investimenti per rimetterlo in sesto. Che non si trovano: non ci sono recovery fund alle viste, a quel tempo. Imponente, isolato, incustodito e ricco di richiami esoterici è però frequentatissimo di notte. Quando c’è una certa luna e il cielo manda sul biancore delle pietre una certa luce: sono le condizioni ideali per invocare il maligno con una di quelle celebrazioni demoniache che sono dette messe nere. Proprio durante un rito blasfemo di questo tipo sarebbe avvenuto l’incidente, fiamme su alcuni drappi portati dall’esterno, che ha spinto al punto di collasso una rara e preziosa testimonianza del passato. Read more…

giovedì, febbraio 25, 2021 Categoria: Cronache

Nove elettroshock per la testimone inattendibile

Gli elettroshock  sono in grado di  resettare  le memorie anche  di soggetti magari in difficoltà  ma sostanzialmente sani di mente. Nove elettroshock invece spingono inevitabilmente  i ricordi  di un testimone psicologicamente fragile che li subisce nel territorio dell’incertezza e dell’oblio. Così i suoi ricordi sono improponibili  in un processo. E’ l’esperienza di una donna diventata adulta a Perugia che la Corte d’Assise di Bologna cita  nella sentenza che ha condannato all’ergastolo l’ex terrorista nero Gilberto Cavallini per la strage alla stazione del 2 agosto 1980. Alessandra De Bellis , figlia di un ufficiale della polizia stradale,   aveva  saputo  per tempo   che la Casa del Popolo di Moiano (24 aprile 1974)  l’avrebbero fatta saltare in aria con il tritolo e che una bomba  sul treno Italicus ( 4 agosto 1974 ) avrebbe fatto uno strage. Read more…