Archivio della categoria maggio, 2012

martedì, maggio 29, 2012 Categoria: Appuntamenti

Buongiorno Regione : dare la sveglia all’Umbria

Più di cinquecento opportunità di lavoro indicate con i collegamenti settimanali dalla Provincia di Perugia, un ufficio di consulenza e di consigli utili  aperto virtualmente dai patronati  in diretta per  38 volte, 45 casi di “pronto intervento” giornalistico su segnalazioni di cittadini, 120 titoli di libri di autori umbri presentati in  sinergia con l’associazione degli editori ,50 ricette per  gastronomia tipica e di qualità consigliate con la collaborazione dell’Unione Cuochi dell’Umbria, la rivisitazione di 60 tra i più importanti casi giudiziari degli ultimi trenta anni, 2 edizioni di telegiornale in trenta minuti. Read more…

mercoledì, maggio 23, 2012 Categoria: Appuntamenti

Premiata la Scuola di Giornalismo di Ponte Felcino per i 20 anni di attività

(Cittadino e Provincia – Perugia, 23 maggio 2012) – 1992-2012: la Scuola di Giornalismo di Perugia compie 20 anni e per festeggiare l’attività di alta formazione dell’Istituto la Provincia di Perugia ha organizzato per stamani alla Sala “U. Pagliacci” una cerimonia di premiazione. Ad aver ricevuto la pergamena di riconoscimento da parte del Presidente dell’Ente di Piazza Italia  Marco Vinicio Guasticchi: Innocenzo Cruciani, Presidente della Scuola, i coordinatori didattici Nunzio Bassi e Dario Biocca, ed il Capo redattore di Rai TGR Umbria Alvaro Fiorucci, mentre il Direttore Antonio Socci non è potuto essere presente. Read more…

mercoledì, maggio 23, 2012 Categoria: Cronache

Piccole storie nere:il mistero dell’arpione omicida

L’arpione entra dall’occhio destro e si ferma nel cervello. Lo sbuffo dell’aria compressa che aziona il fucile delle tecnisub, modello  conquist booster,  non si è ancora disperso che la morte arriva  prima del dolore.Sono le due, forse le tre del 13 febbraio 1995. Mario Impastato è un pasticcere di Civitavecchia, ha 25 anni, e muore così in una piazzola di sosta del raccordo Terni Orte. E’ un suicidio dicono gli investigatori della polizia. Non ne aveva motivo replicano i familiari : tutto a posto con la fidanzata con la quale era stato fino alle 20,30;tutto a posto con i genitori che l’hanno visto uscire di casa alle 23 per andare in discoteca a Civitacastellana dove s’è fermato per pochi minuti. Tutto a posto, nessun problema economico anche perché la pasticceria degli Impastato nel centro storico di Civitavecchia è un’azienda ben impiantata. Read more…

venerdì, maggio 18, 2012 Categoria: Cronache

Piccole storie nere:la bambina scossa,un ergastolo e quindici anni.

Le ho tolto le scarpe ma non l’ho spogliata. Con la sinistra l’ho presa per i capelli e l’ho sollevata dal tappeto. Con la destra l’ho colpita due o tre volte  sulla pancia. Poi l’ho lasciata cadere. Era meno di un metro, ha battuto la nuca.Giorgio Giorni,ragazzone di 33 anni, una buona famiglia di imprenditori edili a San Sepolcro, racconta in tutti i particolari come ha ammazzato Maria Geusa, due anni e sette mesi, figlia di un suo operaio partito da Manduria e arrivato nell’Alta Valle del Tevere a cercare fortuna. L’ha ammazzata la mattina del 5 aprile 2004 quando è cominciata l’agonia di nemmeno ventiquattro ore, nello scannatoio di via Maria Angeloni a Città di Castello affittato per far sesso con chi ci stava. Read more…

lunedì, maggio 14, 2012 Categoria: Cronache

Perugia,la droga,l’accoltellato e il flash mob della paura

L’accoltellamento di piazza Danti,un pusher tunisino sbudellato da un fornitore albanese per via di  un debito di droga non saldato è, tecnicamente,un fatto di rilevanza penale uguale o inferiore ai cinque precedenti più prossimi. Dei quali però si è detto  di sfuggita  per via dell’abitudine. E non è una fregnaccia asettica asserire l’incomparabilità con il morto ammazzato fresco di pochi mesi, giù un paio di chilometri, al bar della Pallotta. L’accoltellamento di piazza Danti ha, nonostante questo dato di fatto, un impatto pesante (sproporzionato?) sulla percezione della (in)sicurezza da parte dei cittadini e sulla percezione della impunibilità che quindici minuti di sbando totale hanno  dato a chi quello sbando violento ha guidato e dominato da momentaneo padrone dei luoghi e delle persone. Read more…

domenica, maggio 13, 2012 Categoria: Cronache

Piccole storie nere: pentiti veri e farlocchi

Le attività comuni  e l’ora d’aria per socializzate le esperienze professionali di uomini della mafia, della camorra e della sacra corona unita. Le celle e le notti insonni  per mettere a punto il progetto. Poi settimana dopo settima l’attuazione del piano per riavere una verginità spedibile, da persone pulite come nuove.La verginità di imprenditori seri e con il bollo di Stato che avrebbe aperto porte e conquistato nuova fiducia  fiducia e nuovi affari.  Erano stati criminali,ma si erano pentiti. Ora mostrano la  rispettabile patente  di collaboratori di giustizia. Insomma gente diventata  seria, uscita rischiando la vita da un duro travaglio interiore.Tutto falso, tutta apparenza. Read more…

sabato, maggio 5, 2012 Categoria: Cronache

Piccole storie nere: l’omicidio della bambina mai nata

L’avrebbero chiamata Elena se non fosse morta nel grembo dove stava da otto mesi. Elena è una bambina mai nata, perché la sua vita è finita con quella della mamma massacrata di botte ,una notte che annunciava l’estate del  2007, quella tra il 24 e il 25 maggio. E’ roba da marocchini, quelli  che lavorano nei campi. Sono stati gli albanesi che spacciano tra Perugia e Marsciano. Sono stati i romeni che sfruttano le ragazze dell’est, beccati a far furti a catena tra Compignano e Cerqueto.Difficile che a fare la rapina siano stati dei balordi italiani. Però certo è che anche la criminalità nostrana è sempre più violenta. Read more…