Archivio della categoria “Cronache”

lunedì, agosto 11, 2014 Categoria: Cronache

Le lettere di Luigi Chiatti come i messaggi del Mostro

il-caccaitore-di-bambini-2Di Allan Fontevecchia

“ Gli tenevo la mano sulla gola , mi vergognavo del suo sguardo e non sapevo come ucciderlo. Aveva visto la casa, aveva visto anche me , non l’avevo incappucciato, quindi poteva parlare e dire qualcosa. Dopo queste considerazioni ho provato a togliergli il dolore e ho stretto prima una mano sulla gola , stavolta per ucciderlo poi tutte e due”.
E’ così che Luigi Chiatti racconta al sostituto procuratore Michele Renzo, dopo aver ammazzato anche Lorenzo Paolucci, 10 anni, come divenne assassino per la prima volta martirizzando Simone Allegretti che di anni ne aveva quattro. Read more…

mercoledì, luglio 16, 2014 Categoria: Cronache

Tutti assolti anche dal rinvio della Cassazione: il caso Narducci non c’è mai stato?

 fiorucci_copertina_fronteL’assoluzione da tutte le accuse di Alfredo Brizioli , amico d’infanzia e, per un lungo periodo, avvocato di fiducia della famiglia ,ed  il proscioglimento per prescrizione dei reati di  altri cinque imputati  hanno chiuso- a quindici anni dalla riapertura delle indagini e a trenta dei fatti- le ultime pendenze del cosiddetto “caso Narducci”, la morte del medico perugino Francesco Narducci  avvenuta nel Trasimeno nel 1985 e ritenuta dalla Procura della Repubblica di Perugia  collegata ai delitti del  mostro di Firenze.
Alfredo Brizioli- che ha rinunciato ai benefici della prescrizione- doveva rispondere di una serie di reati – dalla calunnia nei confronti di alcuni giornalisti ,alle pressioni su alcuni testimoni e consulenti , alla rivelazione del segreto d’ufficio. Read more…

mercoledì, giugno 25, 2014 Categoria: Cronache

Caso Narducci : dopo trenta anni la giustizia è all’ultimo miglio

imagesfiorucci_copertina_fronteLa Corte di Cassazione respingendo il ricorso del Pubblico Ministero Giuliano Mignini  aveva  chiuso il capitolo di più difficile lettura , quello dell’associazione a delinquere finalizzata a nascondere i presunti rapporti tra la morte del medico perugino Francesco Narducci e i delitti del Mostro di Firenze. Accogliendo  la decisione del gup Paolo Micheli  di prosciogliere ( per non aver commesso il fatto o perchè il fatto non sussiste)  i 22 indagati dal pubblico ministero Giuliano Mignini. Tra i 22 come è noto c’erano anche alcuni familiari di Francesco Narducci.La stessa Corte di Cassazione però aveva accolto il ricorso per tutta un’altra serie di reati. Read more…

giovedì, giugno 19, 2014 Categoria: Cronache

Da Meredith a Yara: prova scientifica,pistola fumante?

meredith yaraSarà il processo, se come tutto sembra suggerire  “ Ignoto 1 “ andrà a processo con il  nome di Massimo Giuseppe Bossetti,muratore uarantaquattrenne,  l’esame più difficile ma al dunque esaustivo per la difficile e complessa inchiesta sull’omicidio di Yara Gambirasio avvenuto il 26 novembre 2010 a Brembate di Sopra. Processo chiamato a stabilire innocenza  o colpevolezza “ al li la di ogni ragionevole dubbio”. E ,ovviamente, al di là di ogni ragionevole congettura di esperti del ramo ,presentatori, giallisti , tuttologi pullulanti intorno a noir,gialli  e misteri. E’ ovvio che sia così, ma spesso ce ne dimentichiamo .Il nostro è il paese dei processi al di fuori delle aule di giustizia. Fatte le dovute proporzione è un pò come il calcio exstrastadio nei bar. Read more…

mercoledì, giugno 11, 2014 Categoria: Cronache

IL SANGUE DELLE DONNE a UmbriaLibri e all’ Isola del Libro, con Marini,Comodi e Griner.

fiorucci_copertina_defAccoltellate, strangolate,sparate ,bruciate,fatte scomparire . In trenta anni in Umbria almeno sessanta donne sono state uccise  da uomini  mossi dallo stesso movente: affermare fino alle estreme conseguenze il possesso e la totale disponibilità della vittima. Possesso come  sentimento distorto dalla gelosia, come degenerazione psichiatrica, come strumento  di arricchimento attraverso la prostituzione e il traffico della droga. C’è la ricostruzione dei casi di cronaca che più hanno colpito l’opinione  pubblica  nel libro<<Il sangue delle Donne>> che Alvaro Fiorucci ha pubblicato con Morlacchi editore. Dai cold case del passato  , gli omicidi di Mauretta Fondaccie e di   Mara Calisti, ai più recenti, quelli  di Meredith Kercher, Barbara Cicioni,   Maria Geusa, Sonia Marra, Barbara Corvi  ed altri ancora.<<Il sangue delle donne>>  riscrive queste  vicende con il supporto di documenti mai pubblicati integralmente. Read more…

sabato, giugno 7, 2014 Categoria: Cronache

Tutta la cronaca dei fatti nella biografia non autorizzata di Luigi Chiatti.

il-caccaitore-di-bambini-2Segreti e delitti, ritenuto ancora socialmente pericoloso    (ANSA) – PERUGIA, 7 GIU – Luigi Chiatti, il cosiddetto mostro di Foligno condannato per gli omicidi di Simone Allegretti e Lorenzo Paolucci, concludera’ il suo periodo di detenzione a fine giugno 2015. Grazie a indulto (tre anni) e liberta’ anticipata per buona condotta (cinque), scontera’ oltre otto anni in meno rispetto ai 30 comminati dalla sentenza. Lo ha rivelato “Segreti e delitti”, il nuovo programma di Canale 5.
Secondo quanto reso noto da Mediaset, Chiatti durante la carcerazione e’ stato ancora ritenuto socialmente pericoloso e, per questo i permessi premio gli sono stati negati. Solo a fine pena, la sua situazione dovra’ essere rivalutata, come previsto dalla sentenza. Chiatti dovra’ trascorrere, in seguito, non meno di tre anni in una casa di cura e custodia. Nella nota si sottolinea comunque che saranno gli esperti, al termine del periodo di carcerazione, a stabilire se Chiatti e’ ancora socialmente pericoloso e i magistrati a decidere la durata della nuova misura di sicurezza.
Nel corso della puntata di “Segreti e delitti” e’ stato anche diffuso “in esclusiva” l’audio della perizia che, nel 1996, giudico’ Chiatti semi-infermo di mente. Read more…

venerdì, maggio 30, 2014 Categoria: Cronache

“Il sangue delle donne” femminicidi e delitti affini avvenuti per caso in Umbria

fiorucci_copertina_def “Il sangue delle donne” è un documento forte e agghiacciante, che racconta, con uno    stile asciutto e preciso, oltre trent’anni di femminicidi avvenuti in Umbria”. 

di ALLAN FONTEVECCHIA

Donne che muoiono di coltello, di spranghe, di martelli, di cacciavite, di calci, di pugni. Strozzate con le mani o con cinte, corde, sciarpe fazzoletti, asciugamani. Bruciate, se serve per completare l’opera. Le cronache, a leggerle bene, difficilmente sono bugiarde, almeno in superficie. Chi spara, accoltella, picchia, massacra, strangola, spacca, frantuma, brucia, quasi mai è uno che impazzisce all’improvviso. Raptus, impeto, omicidio a caldo: termini buoni per arrivare agevolmente a una ragione o per lucrare attenuanti ai processi. Chi legge queste cronache potrà scoprire che, viceversa, l’omicida, nella maggior parte dei casi, è determinato e ci mette tutte le forze che ha. Read more…

domenica, marzo 30, 2014 Categoria: Cronache

Furti di ostie, satanismo e le dieci sette dell’Umbria

BASSETTINon è un  fatto da sottovalutare, non è un furto di offerte che con la crisi che c’è lascia il tempo che trova di fronte a fenomeni criminali di altro spessore, non è un  colpo mirato a oggetti sacri da ricanalizzare nel marcato clandestino dell’antiquariato perché non ce ne sono, non è il colpo di testa di uno o più buontemponi e neppure  di un bizzarro gioco  di avvinazzati. Chi ha agito nella chiesa di Monterone, Perugia,parrocchia di Casaglia aveva un solo obbiettivo  che è evidente:le ostie consacrate. Mirare alle ostie  in genere ha due finalità. Read more…

martedì, febbraio 25, 2014 Categoria: Cronache

Intercettazioni: la caducità di uno strumento investigativo

intercettazioni_telefonicheSpesso sono la stampella  con la quale muovono i primi passi le inchieste più difficili. Che non sono necessariamente  quelle sui fatti attribuibili alla criminalità strutturata  o alla malavita organizzata. Possono essere  inchieste che nascono dal sospetto che questa o quella pubblica amministrazione possa essere affetta  dal morbo del malaffare . Il morbo  che coltiva negli uffici preposti al bene comune  il bene del singolo, il bene riservato, il bene di parte. Il codice ci dice che se questo accade potrebbero esserci  abuso d’ufficio, interesse previsto o, peggio , corruzione. Roba tosta. Read more…

Pagina 8 di 24« Inizio...678910...Ultima »